Welcome, visitor! Get a free report! or Login   |   martedì 27 giugno 2017 | Chi Siamo | Contacts

carlo.spinelli

La vita bio di Carlo Spinelli alias Doctor Gourmeta ho trent’anni e ho una bambina (tutto il merito deve essere attribuito alla mia compagna; a me solo trenta gloriosi secondi nove mesi prima del parto), sono bilaureando (prima Lettere Moderne, e ora quasi Storia e Antropologia dell’Alimentazione), ho visto oggetti non identificabili nel cielo patagonico, sono stato in coma, odio il caffè e le carote bollite, ho rischiato di scappare con un bellissimo santone in India, ho mangiato la balena norvegese (un pezzo, non intera), ho vissuto due anni a Stoccolma, ho perso la verginità nell’anniversario della Presa della Bastiglia (metafora?), ho la gamba destra più corta di 2,5 cm, ho rischiato di perdermi ad Amsterdam sotto l’effetto dei funghi (non porcini), sono allergico alle betulle e all’assenzio, un mio amico, morendo, mi ha salvato la vita, ho scritto per Rolling Stone e Playboy, ho la “r” moscia, amo la carne cruda di alce, amo in egual misura la musica dub, gli gnocchi freschi, l’Inter, Italo Calvino e l’odore delle cantine umide, viaggio mangio e scrivo (in ordine sparso), ho assaggiato l’acidità delle formiche crude, ho un bassotto epilettico, non riesco a toccare il velluto, sono stato in cella in una nave nel Mar Baltico, ho fatto due volte l’esame di maturità, ho mangiato il cane a Cuba (sicuro al 90-95%). E credo che nel 2012 arriverà una navicella spaziale con Elvis, Jim Morrison e Jimi HEndrix a salvare l’umanità dal riscaldamento globale. Non sono religioso. Amen.

Luciano Zazzeri e la sua “baracca” sul mare



Musica consigliata per questo racconto marinaro: Caravan Palace - Beatophone





A volte le grandi storie si costruiscono semplicemente e in modo lento, seguendo lo scorrere della natura e delle stagioni, magari cavalcando le onde del destino che ogni grande uomo si trova ad affrontare. Toscana, quella marittima che profuma di pineta e spuma del Mar Tirreno, Marina di Bibbona e la “baracca” di Luciano Zazzeri nel Livornese (www.lapinetadizazzeri.it): questi tre elementi stanno alla base di un’avventura culinaria che ricorda davvero le favole di una volta....

Read More »

70 comments

Doctor Gourmeta, Sofia e la degustazione di cartoni animati



Musica consigliata per questa degustazione di cartoni animati: Messer Chups - Hey



Ho fatto un esperimento un po’ sadico, ma molto potente.



Nonostante la giovanissima età, mia figlia treenne Sofia è già inconsapevolmente vittima delle mie manie gastronomiche: nel suo curriculum masticatorio spicca infatti la cucina di strada fatta di quinto quarto per le strade del Marocco, ma anche le formiche crude di campagna dal gusto limonato dell'acido formico; i suoi piccoli dentini hanno già scarnificato ossa di struzzo, molluschi strani dell’Atlantico e le croccanti cartilagini...

Read More »

51 comments

La cucina vegana nella storia dell’umanità



Musica onirica per la cucina vegana: The Gaslamp Killer - Nissim (with Amir Yaghmai)





La cucina vegana può essere gourmet. Considerazione folle o illusionista che sia, la verità dice ben altro: dall’apparente tristezza e poca varietà di presupposto, anche il buongustaio si convincerà ben presto che anche nella dieta vegan lo sfizio estetico e il sapore eccitante possono venir fuori come fuochi d’artificio napoletani.





Se io fossi vegano e mi interessassi solo di cucina vegana perderei il mio ghiotto lavoro di scrittore e storico dell’alimentazione....

Read More »

56 comments

Doctor Gourmeta e i migliori ristoranti a Stoccolma



Musica consigliata per questo viaggio svedese: AM & Shawn Lee – The Signal





Io ho vissuto due anni a Stoccolma. È sempre stato il mio sogno vedere la Svezia, viverla intensamente, carpirne ogni segreto. Sono andato in Svezia per motivi politici (sono ghiotto di walfare) e per motivi culturali (idolatro il drammaturgo August Strindberg). Le bionde non mi interessano (ultima frase menzognera, scritta per doveri coniugali). A me interessa solo la carne delle bestie artiche del meat-pusher Lulles Fågel & Vilt nella boutique del gusto...

Read More »

74 comments

Cacao meravigliao da Aimo e Nadia a Milano



Musica consigliata per questo viaggio culinario: Dubmatix Seeds of Love & Life Feat. Luciano (early W~Rm Dub Mix)





La trattoria toscana di Aimo e Nadia Moroni negli anni ’60...



A Milano esiste uno dei luoghi più gustosi del mondo. Nel quartiere di periferia del Giambellino, tra i nomi oscuri di Bande Nere e Primaticcio, Aimo e Nadia Moroni hanno fondato uno dei templi della cucina italiana moderna. Il Luogo di Aimo e Nadia è l’altisonante nome.





Adesso in cucina...

Read More »

69 comments

Geofagia: sei scemo o mangi i sassi?





Musica consigliata per questa degustazione di terra: Tussle – Soft Crush





Sei scemo o mangi sassi? Mi sentirei in colpa se non confessassi di avere entrambe queste qualità. Sì perché la geofagia (o litofagia, o “mangiare la terra”) è una pratica culinaria antica come il tempo dell’uomo. Dalla Sardegna preistorica alla cucina creativa dei grandi chef contemporanei: mangiare terra, argilla e pietre non è mai stato così entusiasmante.

Nella storia e nell’antropologia dell’alimentazione la geofagia è stata considerata da diversi punti di vista una malattia...

Read More »

53 comments

La cucina rinascimentale di Romano Tamani



Musica consigliata per questo viaggio rinascimentale: J Walk – Soul Vibration





Anche questa volta mi hanno colto con le mani nel sacco.





Poche volte nella vita capita di essere allegri testimoni di uno spettacolo teatrale rinascimentale, creato in modo millimetrico da personaggi in carne e ossa. È accaduto a Quistello (MN), da Romano e Carlo Tamani, i fratelli istrionici del ristorante “Ambasciata”. Attori principali del loro boudoir culinario nella campagna mantovana, i due artisti della ristorazione colta offrono lusso e feste barocche al cospetto dei commensali....

Read More »

51 comments

Itinerari enogastronomici: le vacanze di Doctor Gourmeta



Musica consigliata per questo viaggio gastronomico in Italia: Dj Gruff - Sulle trombe





Io ho sempre fame.



Ad agosto non voglio rinunciare a questo primitivo vizio e quindi prendo baracca e burattini (traduzione: macchina e famiglia martire) e me ne vado in giro per l’Italia a conoscere, assaggiare e amare alla follia grandi chef e i loro ristoranti aperti ad agosto.





Parto da Milano, mi inoltro nell’autostrada A1 e giungo fino al territorio fiorentino: qua sicuramente mi accingo a raggiungere Natascia Santandrea e...

Read More »

59 comments

Le food foto burlesque di Miss CookMe



Musica consigliata per questo racconto burlesque: Serge Gainsbourg – Relax baby be cool





Il burlesque è la rappresentazione parodistica dell’intimo godimento degli aristocratici nel XIX secolo, attraverso la moda, la musica e la danza. In parole povere era l'elegante presa per i fondelli di ricchi e industriali, per far sbellicare le classi meno abbienti negli USA e in Gran Bretagna.





Spettacoli underground e irriverenti di musica burlesque, tra il sacro del vestito e il profano delle movenze.





Le grandi eroine del burlesque furono Bettie...

Read More »

83 comments

La cucina siciliana e artistica dello chef Pino Cuttaia



Musica consigliata per questo viaggio siciliano: Trinakriù - Natu n'ta Sicilia





Ebbene sì, il mio fragile corpo si è diretto verso la Sicilia, in cerca del cannolo ricottato più buono dell’isola. Ma non solo: la mia perenne fame tracotante mi ha trascinato a forza dallo chef Pino Cuttaia a La Madia di Licata (www.ristorantelamadia.it).





Quando mi ha visto, questa è stata la sua prima faccia.





Ok, ti faccio mangiare, basta che stai zitto.





E questa la sua terza...

Read More »

41 comments